INDIA I INDIA ORISSA: I MISTERI DEL DANDA YATRA o PANA SANKRANTI – FESTIVAL DEI FACHIRI PT 1

                          INDIA ORISSA: I MISTERI DEL DANDA YATRA o PANA SANKRANTI – FESTIVAL DEI FACHIRI                                                                                            (Feste e cerimonie d’inizio anno nello Stato indiano dell’Orissa) PT 1

In tutto il subcontinente indiano antiche credenze e riti ancestrali si mescolano alla religione, senza mai fondersi completamente, dando vita a cerimonie sacre piene di significato. I villaggi del distretto di Ganjam, non lontano da Gopalpur a circa 170 km da Bhubaneswar (siamo nello Stato indiano dell’Orissa, o Odisha) si animano in occasione di una rappresentazione rituale che si svolge ogni primavera nel mese di chaitra (il primo dell’anno nel calendario indu) per circa 3 settimane.


Gruppi di persone ballano scalze per le strade per placare la dea Kali, incuranti del caldo torrido. Il ritmo dei tamburi, dei piattelli e delle conchiglie riverbera nell’aria mentre la danza tradizionale assume un crescendo di fervore religioso per culminare nel Maha Bishub Sankranti, che in sostanza è il capodanno locale.


I fedeli partecipanti sono in genere chiamati dandua o bhokta; il loro capo riconosciuto, detto Pata Dandua (o Pata Bhokta), si sposta da un villaggio all’altro per eseguire lo yatra (pellegrinaggio), conducendo una vita ascetica per 21 giorni, evitando ogni contatto con donne, assumendo cibo molto leggero – probabilmente per preparare il corpo a esercizi severi – in assoluta solitudine. Il rituale è dedicato al dio Shiva e alla dea Kali (che con il nome di Shakti governa l’energia materiale in perenne mutamento), rappresentati da un danda (bastone) e da un palo decorato con varie vesti colorate. Durante questa antica festa dell’autopunizione – culminante nella partecipazione al Danda Yatra, noto anche come Festival dei Fachiri o Pana Sankranti – i devoti  osservano ben 21 giorni di digiuno totale dal cibo, concedendosi soltanto, verso sera, un bicchiere di succo di frutta. Essi si spostano di villaggio in villaggio accompagnando i loro riti ancestrali con musiche e canti.


Gettarsi e rotolarsi sulla sabbia rovente nelle ore più calde del giorno è una penitenza che devono compiere tutti i fedeli bhokta in cambio di piccole somme di denaro offerte dagli abitanti del villaggio. Entrambi i gruppi si mescolano, travolti dalla frenesia crescente dei rituali del Danda Yatra che si succedono senza sosta fino al calar delle tenebre, allorché il fuoco accende ancor più gli animi dei partecipanti, e ai riti punitivi si aggiungono canti e rappresentazioni teatrali di argomento mitologico.


Il culmine della festa coincide con il 21° giorno del Danda Yatra, l’ultimo, quando riti e iniziazioni giungono al termine e i devoti bhokta attraversano una buca profonda parecchi centimetri riempita di carbone ardente, totalmente certi che Shiva proteggerà i loro piedi e che gli dèi daranno loro la forza di cancellare il dolore fisico. Il primo a camminare sul fuoco a piedi nudi è il Pata Bhokta, il capo dei devoti, per infondere fiducia agli altri.

L’articolo è pubblicato sui Magazine on Line ETNIE   LATITUDESLIFE  MIKUSTARS ed  ERODOTO108

 Leggi anche la seconda parte INDIA ORISSA E CHHATISHARH ETNIE ADIVASI TRIBALI PT 2

Questo viaggio è proposto da VIAGGI TRIBALI nella programmazione 2019

Leggi anche reportage PAKISTAN KALASH JOSHI CHILAM FESTIVAL

KENYA MARE DI GIADA LAKE TURKANA CULTURAL FESTIVAL  (Parte 1)

KENYA LAKE TURKANA CULTURAL FESTIVAL KENYA MARE DI GIADA (Parte 2)

KAZAKISTAN E MANGYSTAU

TCHAD, GEREWOL LA FESTA WOODABE

PAPUA NUOVA GUINEA I GLI HULI DELLA NUOVA GUINEA: UN POPOLO A COLORI 

PAPUA NUOVA GUINEA I GLI ULTIMI UOMINI DELLA TERRA

 

KAZAKISTAN I KAZAKISTAN E MANGYSTAU, IL DESERTO DIPINTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.