SICILIA INSOLITA : BORGHI & PANORAMI DAL 12 AL 18 OTTOBRE 2017 VIAGGI FOTOGRAFICI

SICILIA INSOLITA : BORGHI & PANORAMI DAL 12 AL 18 OTTOBRE 2017 VIAGGI FOTOGRAFICI

Non ho la presunzione di essere un Tour Operator, ma ho la certezza di conoscere la mia terra. Viaggiando e accompagnando spesso gruppi in giro per il mondo ho potuto cogliere tante realtà e modalità di scoperta che ogni singolo soggetto fa suo, da capire ed interpretare il desiderio del viaggiatore con la reflex in mano, che vede la realtà che si accinge a scoprire, cercando di cogliere una sensazione e poi un’emozione, secondo la sua personale interpretazione. L’occhio fotografico, a cui è rivolto questo itinerario, ha bisogno di tempi dedicati e più lenti, senza tralasciare le visite culturali in itinere, con un’attenzione anche ai PUNTI DI OSSERVAZIONE o SCATTO, che non sono i LOOKOUT fisici ma situazioni o luoghi definiti anche se non pubblicizzati, da cui fotograficamente “cogliere” e portare con se un pezzetto di emozione. Per questo ho privilegiato oltre ad alcune località panoramiche, anche la visita ad eventi tradizionali o mercati, che permettono l’integrazione ed il racconto fotografico all’interno di questi itinerari di Sicilia Insolita. Gli itinerari che seguiranno si diversificheranno senza mai essere uguali ai precedenti, per integrarsi meglio sul territorio, per mezzo delle tradizioni. Il fine di questi viaggi è stimolare l’opportunità di fare fotografia, dalla STREET PHOTOGRAHY, al Reportage, alla Fotografia d’arte, di viaggio o paesaggistica. Ovviamente sono benvenuti accompagnatori/trici che, staccando anche solo pochi giorni dallo stress del lavoro e della vita quotidiana, desiderano seguire i partners/familiari/amici e vogliono rilassarsi in una vacanza, che in Sicilia promette di essere “godibile”, oltre che per i siti culturali in itinere anche per la bellezza del paesaggio, la mitezza del clima e la gastronomia tipica.
Con un gruppetto di amici organizzo un tour fotografico tra alcuni borghi del trapanese e del palermitano, con una puntata nella provincia di Agrigento ed una nel cuore della Madonie.
Sei giorni di breve pausa dal lavoro con 7 notti/6 giorni in questo breve tour informale, acquistando autonomamente un volo low cost su Palermo ed essere pronti a conoscere la SICILIA INSOLITA Per Informazioni contattare info@giusepperussophoto.com 

7 notti + 6 giorni OTTOBRE dal 12 sera (giovedì) al 18 (mercoledì) – NOLO VAN 6 GIORNI (da 13 a 18)
BORGHI & PANORAMI : i borghi di Sambuca di Sicilia, Erice, Castellammare del Golfo, Scopello, Cefalù e Isnello (cuore delle Madonie); le tradizioni popolari siciliane con le adiacenti case dei pastori nella Grotta Mangiapani di Scurati (il paese nella grotta); le SALINE DI TRAPANI con i contrastanti panorami del bianco del sale, l’azzurro del cielo e il rosso del sole al tramonto; i particolari impianti urbanistici a cielo aperto di Gibellina (il Cretto di Burri e l’avveniristica Chiesa Madre di Quaroni), vere opere d’arte immerse nella verde campagna trapanese; le Tonnare di San Vito Lo Capo e Scopello, il parco archeologico di Segesta con il Tempio ed il Teatro (strategicamente arroccato sul Monte Barbaro); gli emozionanti tramonti delle Saline di Trapani e di Balestrate (il paese dei tramonti, al centro del golfo di Castellammare) + ITINERARIO ARABO NORMANNO A PALERMO, MONREALE E CEFALU’ (siti UNESCO) e mercato di Ballarò dal 12 al 18 ottobre 2017

Giovedì 12 ottobre  arrivo libero a Balestrate POMERIGGIO/SERA 1.A NOTTE

Arrivo in serata presso la struttura convenzionata a Balestrate (PA), il paese dei tramonti
Balestrate, il paese dei tramonti

Venerdì  13 ottobre  2.A NOTTE

>Trapani Passeggiata sulle Mura di Tramontana

>Erice in funivia ANDATA(Panorama su Trapani, sulle saline e sul Mar Tirreno) – RITORNO con Van

>Erice: Giardini del Balio e visita borgo con il Duomo

>Balestrate , il paese dei tramonti (tramonto)

Balestrate , il paese dei tramonti (tramonto)
Dalla sommità del centro cittadino che è posto sulla vetta dell’omonimo Monte Erice, raggiungibile in funivia, è possibile vedere uno dei più bei panorami della Sicilia occidentale che spaziando dal Tirreno (con il promontorio di Monte Cofano) al Canale di Sicilia, fa godere l’ottima vista su Trapani, le sue accecanti e bianche saline e l’azzurro del mare su cui si stagliano le isole Egadi. Il nome di Erice deriva da Erix, un personaggio mitologico, figlio di Afrodite e di Bute, ucciso da Eracle. Dal 1167 al 1934 ebbe il nome di Monte San Giuliano. Erice con le strade tipicamente ciottolate, fa parte del circuito dei borghi più belli d’Italia in qualità di ospite onorario. Si rientra a Balestrate per fotografare uno dei più superbi ed emozionanti tramonti sul Golfo di Castellammare. APPROFONDIMENTO 

Sabato 14 ottobre  3.A NOTTE

>Grotta Mangiapane/Scurati (le case dei pastori nella grotta e Museo tradizioni siciliane)

>Makari:  Cala del Bue Marino (premiata nel 2016 con il concorso di Legambiente “La più bella sei tu”)

>San Vito Lo Capo (Tonnara del Secco, Faro e panorama dall’alto), sede del noto Cous cous Festival

Il piccolo borgo di Makari gode di una posizione davvero unica,  arroccato sui rilievi della Valle degli Ulivi si affaccia sul golfo omonimo a pochi minuti dalla spiaggia di Baia Santa Margherita e dalle calette di ciottoli più belle della zona. La costa, rocciosa e frastagliata, è ricca di piccole insenature dove è possibile  in estate fare il bagno. Qui si trova la cala del  Bue Marino, eletta spiaggia più amata dagli italiani nel 2016 da LegAmbiente. Nei suoi dintorni, a Scurati, la grotta Mangiapane accoglie al suo interno un piccolo borgo di case, abitato dal 1819 fino alla metà del ‘900 da pastori su un preesistente antico insediamento preistorico. Nella grotta sono stati girati alcuni episodi della serie televisiva Il commissario Montalbano. Dal 1983 vi si svolge nel periodo natalizio la manifestazione denominata “Presepe vivente di Custonaci – La Natività e i Mestieri Tradizionali”. Si tratta di un presepe vivente in cui rivivono le tradizioni contadine e artigianali di quel territorio, e che coinvolge tutti gli abitanti del paese. Per questo nel 2006 è stato riconosciuto nel Registro Eredità Immateriali della Sicilia. L’interessante Museo delle tradizioni contadine e artigianali è visitabile nel resto dell’anno. San Vito lo Capo con la sua bellissima spiaggia bordata di palme e il suo mare caraibico si trova ad appena 5 minuti d’auto da qui. Incastonato tra le Falesie di Monte Monaco e di Cala Mancina rappresenta una delle mete naturalistiche più interessanti della Sicilia occidentale. Caratterizzato da case bianche, tappezzate di profumato gelsomino e  di coloratissimi bouganville , il piccolo paesino, disteso sul mare, gode di un’atmosfera  tranquilla e rilassata soprattutto  in primavera, mentre, si anima e diventa la capitale dell’integrazione culturale durante la settimana del Cous Cous Fest. Questa bellissima kermesse porta ogni anno in questo angolo di Sicilia gente da tutto il mondo, amanti della buona cucina, chef di fama internazionale. Non mancheremo di assaggiare il gradito cous cous locale! APPROFONDIMENTO

Domenica  15 ottobre  4.A NOTTE

>Sambuca di Sicilia (proclamata “Borgo dei Borghi 2016”)

>Lago Arancio

>Gibellina Vecchia : Cretto di Burri

>Gibellina Nuova : Chiesa Madre di Quaroni

 

Come uno scrigno prezioso nel cuore delle TerreSicane, Sambuca di Sicilia (89 km da Agrigento e 78 km da Palermo) nel comprensorio della Valle del Belice è adagiata ai piedi di Monte Adranone su una collina degradante verso il lago Arancio. Il Borgo dal cuore di Tufo, come è spesso definito, è stato proclamato “Borgo dei Borghi 2016”) APPROFONDIMENTO
Ci spostiamo nel primo pomeriggio alla vicina Gibellina, sorta sui ruderi del vecchio paese, raso al suolo dal terribile terremoto del 1968 e su cui l’artista Alberto Burri propose che le rovine fossero coperte da un lenzuolo di cemento bianco, noto come “Cretto di Burri”, per non lasciare che il tempo cancellasse per sempre questo luogo, anche dalla mente. La nuova Gibellina, ricostruita sulla base di progetti urbanistici d’avanguardia con opere come la Stella di Consagra e la particolare struttura della Chiesa Madre di Quaroni, la cui enorme cupola in calcestruzzo ricorda una enorme sfera che si appoggia su costruzione cubiche in conci di tufo (dandole dagli anziani locali la denominazione di “chiesa palla”), è invece un Museo en plain 

Lunedì  16 ottobre  5.A NOTTE

>Castellammare del Golfo (il borgo dei pescatori con il porto di Cala Marina e il Belvedere sul borgo)

>Scopello (Baglio e Tonnara con Faraglioni)

>Segesta (Parco Archeologico: Tempio e Teatro)

 

>Nubia: Museo del Sale e Saline al tramonto

Al centro dell’omonimo Golfo, il borgo di Castellammare sorge attorno al castello Arabo Normanno, risalente al 1152, secondo le fonti riferite dal geografo arabo Idrisi nel suo “Libro di Re Ruggero”. Vederlo dall’alto dal suo naturale belvedere panoramico specchiarsi nel mare verde è uno spettacolo da non perdere. Non mancheremo di visitarlo attraverso le strette viuzze e scalette che accedono alla Marina, tra barche e pescatori che riparano le reti, e passando davanti a vecchi depositi di vino e mosto, i cui irregolari muri formano dei cubi imbiancati a calce e in colore pastello, simili a quelli di Procida o Ponza. Ci spostiamo quindi nella vicina Scopello, piccolo borgo che conserva ancora al suo interno un Baglio e una Tonnara con i faraglioni con i tipici fichi d’India in cima ad essi, che emergono dalle acque trasparenti del mare. APPROFONDIMENTO
Visiteremo il noto Parco Archeologico di Segesta, fondata dagli Elimi e situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, in provincia di Trapani. La vecchia città sorge sul Monte Barbaro, mentre nel suo bel parco archeologico sono il tempio, in stile dorico, e il teatro, in parte scavato nella roccia della collina. Concluderemo la giornata nei pressi di Trapani per godere dei panorami della saline e dei suoi famosi “munzidduna e arioni” ricoperti dalle “ciaramire” di terracotta, con lo sfondo delle case di Trapani e di Monte Erice, non mancando di visitare il Mulino a vento, sede del Museo del Sale, aspettando la magica ora del tramonto. APPROFONDIMENTO

Martedì 17 ottobre  6.A NOTTE

>Isnello (Borgo e cuore delle Madonie, all’interno del Parco omonimo)

>Cefalù (Tour Unesco: Duomo, Lavatoio medievale, Arco di Porto Marina e panorama dal Porto Vecchio)

Il piccolo Comune di Isnello, facente parte del Parco delle Madonie, costituisce uno dei borghi ad impianto medioevale meglio conservati del comprensorio. Preziosi stucchi seicenteschi e decorazioni marmoree del Gagini, affreschi del XIV sec , un soffitto ligneo decorato a cassettoni , tabernacoli marmorei e tele secentesche sono custoditi nelle sue numerose Chiese. Il panorama dei tetti delle sue case, che conservano l’originale rivestimento in coppi, in siciliano chiamati “canali, con la particolare guglia del campanile ricoperta da maioliche colorate, lo fa menzionare e ricordare come il Presepe delle Madonie! Cefalù ai piedi di un promontorio roccioso, è uno dei maggiori centri balneari di tutta la regione; la cittadina, che fa parte del Parco delle Madonie, è inclusa nel club dei borghi più belli d’Italia, l’associazione dei piccoli centri italiani che si distinguono per la grande rilevanza artistica, culturale e storica, per l’armonia del tessuto urbano, la vivibilità e i servizi ai cittadini. Il Duomo con il noto mosaico del Cristo Pantocratore è inserito nel sito “Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale” nel 2015 è stato dichiarato Patrimonio dell’umanità dall’Unesco.
APPROFONDIMENTO

Mercoledì 18 ottobre 7.A NOTTE

>Palermo: Tour Unesco (Cattedrale con area monumentale e panorama di Palermo dai tetti), Martorana, San Cataldo, Cappella Palatina, Piazza Pretoria)

 

>Mercato di Ballarò (street photography)

>Monreale: Tour Unesco

>Cena conclusiva

Raggiunta Palermo, ci muoviamo a piedi dentro il centro storico per visitare i monumenti del circuito Arabo/Normanno. La Cattedrale monumentale con la sua facciata del 1185 più volte rimaneggiata, la Cappella Palatina all’interno del palazzo dei Normanni con stupendi mosaici, raffiguranti varie scene bibliche, su cui si distingue il Cristo Pantocratore benedicente. Transitando per il centro di città, Piazza Villena e la scenografica Piazza Pretoria (salita ai clamori del Jet Set recentemente come passerella internazionale in occasione della Sfilata di Moda di D&G fra le statue della Fontana della Vergogna, ispirata dai colori e dai tratti tipici della città di Palermo), visitiamo la normanna Chiesa di San Cataldo nota per le cupole rosse e l’adiacente Chiesa dell’Ammiraglio con i superbi mosaici bizantini al suo interno. Non mancheremo di fotografare Palermo con un’inedita vista panoramica dei suoi tipici tetti, valutando a secondo il tempo che avremo a disposizione se salire sulle terrazze della Cattedrale o sulla Cupola del SS. Salvatore. Spezzeremo la visita urbana con una full-immersion nel cuore della Palermo popolare e perno della vita multietnica locale: il mercato di Ballarò.
Imprescindibile dalla visita nel capoluogo è quella della vicinissima Monreale, immersa nella Conca d’Oro.
La sua costruzione più rappresentativa è il Duomo (Cattedrale di Santa Maria Nuova) costruito, per volontà di Guglielmo II, fra il 1172 e il 1176. Lo stile di questo monumento conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo è composito, poiché si uniscono gusti differenti che rimandano all’architettura dell’Europa del nord e all’arte araba, i cui più apprezzati decori sono i rivestimenti della navate interne con mosaici e tessere dorate, che raccontano l’intera storia del cristianesimo nei momenti dell’attesa di Cristo, della sua vicenda terrena e di ciò che è avvenuto dopo la sua morte e risurrezione.
A conclusione dell’Itinerario arabo-normanno di Palermo, Cefalù e Monreale, visiteremo anche il Chiostro, ritmato da arcate ogivali su colonnine variamente decorate a mosaico, ed a fine giornata una memorabile cena tipica, prima di rientrare a Balestrate, a termine del tour Borghi e Panorami.

Giovedì 19 ottobre, dopo la 1.a colazione partenza libera da Balestrate

12 ottobre giovedì: Arrivo e partenza in autonomia a/da aeroporto di Palermo e poi presso la struttura convenzionata a Balestrate (PA) – Può essere richiesto specifico transfer A&R con servizio privato (a richiesta sono inviate informazioni su tariffe da/per l’aeroporto di Punta Raisi che può essere abbinato con unico transfer fino a Balestrate anche con tariffa condivisibile con altri ospiti in arrivo/partenza in pari orario e/o in alternativa orari di bus pubblico locale in servizio solo da/per Palermo città a Balestrate)
La quota comprende
Quota individuale di partecipazione
minimo 4 / massimo 8 partecipanti
7 notti di alloggio a Balestrate (PA), il paese dei tramonti, presso la Casa Vacanza SIKELIA ed HomeStay ad essa collegata (Pernottamento per 7 notti in camera singola/doppia/tripla/quadrupla. WC e DOCCIA – biancheria letto, asciugamani bagno/doccia,piano cottura, utensili e stoviglie, frigo, TV, Pompa Calore, Internet Free e WIFI nella struttura principale)
n° 7 Prime colazioni
n° 1 Cena di addio l’ultima sera
Trasporto per il tour (Auto Cat B fino a 4+1 pax o Minivan Cat D fino a 8+1 pax Fiat Doblò o Mercedes Vito a seconda del numero dei partecipanti) by JUMBO RENT A CAR (Balestrate)
E’ richiesta collaborazione alla guida di un secondo autista!
Carburante, Pedaggi e Parcheggi
Assistenza / Guida / Autista principale
Assicurazione Medico/Bagaglio by EUROPE ASSISTANCE/JUMBO VIAGGI
La quota NON comprende
Viaggio in aereo A&R con destinazione Palermo
Bevande (acqua , soft drinks e vino/alcolici = tutti extra), 6 Pranzi e 6 cene, tranne la cena di addio l’ultima sera
Ingressi e guide ai siti
Mance
Transfers aeroporto Palermo > Balestrate > aeroporto Palermo (che può essere richiesto anche condivisibile con altri ospiti in arrivo/partenza)
Extra di carattere personale
Quanto non espressamente indicato nel programma e al paragrafo “la quota comprende”
Prezzo: € 430,00 a persona – Anticipo € 50 a persona, seguendo la modalità indicata via mail – Saldo in contanti all’arrivo. Per Informazioni contattare info@giusepperussophoto.com
Giorni: 6 / Notti 7
Classe: Minimo 4 > Max 8 Persone
A richiesta: giorni supplementari di permanenza liberi e/o organizzati presso la struttura SIKELIA di Balestrate, precedenti o seguenti il tour (da concordare).
GASTRONOMIA TERRITORIALE : pane con sesamo e semi di finocchio, caponata, olive, formaggi, pomodori secchi ripieni, pane e panelle, cazzilli, pani ca’meusa, pani cunzatu, arancine, tabisca, pizza al limone, anelletti al forno, pasta con le sarde, sarde a baccafico, busiate col pesto trapanese, pani cunzatu, couscous di pesce, frittura di pesce, tonno, agrumi, dolci (cassatelle di ricotta, sfince, cannoli, cassata, iris, paste di mandorla, genovesi, ericini, frutta di martorana, pignoccata)
Per Informazioni contattare info@giusepperussophoto.com
Il tour, pur rivolgendosi a fotografi per la sua particolarità legata ai tempi di scatto, è aperto anche a loro accompagnatori/trici
Assistenza e collaborazione JUMBO VIAGGI Balestrate (Palermo)

5 commenti

  1. Giuliano Lavazza

    Il programma è molto interessante, anzi direi estremamente interessante, ed il prezzo tutto sommato più che onesto.
    Questo ottobre non ci è possibile, come sai, partecipare, ma, se dovessi ripetere l’iniziativa, sarebbe una magnifica occasione per tornare nella splendida terra di Sicilia ed anche di riabbracciarti.

  2. Ciao Giuseppe, che piacere leggerti , Fiammy mi ha girato il tuo bel programma ma io in quel periodo sono in Myanmar. Eventualmente se lo dovessi ripetere avvisaci con largo anticipo x problemi organizzativi di lavoro.
    L anno scorso sono stato a Scicli . Bellissimo!! Un abbraccio da Fiammy & Mauro. 😘

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.